Il Festival dei Corti va ad arricchire la proposta di Cinestesia a partire dal 2013, al termine della 57esima stagione cinematografica del Cineforum. Anche in questo caso, l'idea è quella di aprirsi a un pubblico differente e dare spazio a giovani cineasti che, inevitabilmente, si trovano ad aver difficoltà a mostrare il proprio talento in un contesto altamente competitivo e sovraccarico come quello audiovisivo in Italia.

Dalla prima edizione, il Festival dei Corti sceglie di non porre limiti: sono ammessi cortometraggi di ogni genere (anche documentari) e nazionalità (negli anni sono arrivate opere da tutto il mondo). La competizione ha raccolto progressivamente un importante consenso, grazie all'ottimo lavoro svolto sia dalla Giuria interna, responsabile della scrematura e della selezione dei 10-15 cortometraggi da proporre, sia della varie Giurie esterne che, composte da addetti ai lavori ed esperti di cinema, hanno assegnato i 3 premi principali. Uno dei fattori di questo interesse è da ascrivare, inoltre, al coinvolgimento del pubblico. I partecipanti hanno infatti espresso nel corso delle differenti edizioni il proprio giudizio, attribuendo un ulteriore riconoscimento a un cortometraggio in competizione.

Ogni anno, la qualità media tende a salire e aumenta anche il numero di opere che vengono inviate, a testimonianza della rilevanza che il Festival sta assumendo non solo su scala nazionale ma anche al di fuori dei confini (tra le nazioni più attente, la Spagna).

– Le edizioni del Festival dei Corti

– Gli spot del Festival dei Corti realizzati da Massimo Arrigoni